Set
12

In Cina con l'Istituto Confucio

Clicca qui per vedere la galleria fotografica!

Da sabato 11 a domenica 26 agosto 2018, grazie ad una borsa di studia offerta dall'Istituto Confucio di Torino, due studentesse del Liceo valdese – Francesca Davico dell'attuale terza e Michelle Piva dell'attuale quarta – hanno avuto l'opportunità di partecipare ad un Summer Camp a Shangai presso la East China Normal University assieme ad altri studenti italiani (una trentina circa) accompagnati da due insegnanti. Sistemate presso il campus universitario le studentesse seguivano di mattina le lezioni con un insegnante cinese e dedicavano il pomeriggio a visite della città (musei, centri commerciali e perfino un giro in pedalò sul lago del campus), una gita alla città di Suzhou, un corso di Taijiquan, antica forma di arte marziale cinese e simulazioni dell'esame di livello di lingua cinese HSK (Hanyu Shuiping Kaoshi).

Ecco che cosa hanno scritto della loro esperienza.

«Il primo impatto che ho avuto con la Cina è stato il caldo. Ricordo quando siamo usciti dall’aeroporto: c’erano 39° gradi percettibili e il 90% di umidità nell’aria e, cosa ancora più sgradevole, pioveva. Pensavo che fosse impossibile abituarsi a un clima così umido e uno dei pensieri che mi venne in mente subito fu: “Voglio tornare a casa il più presto possibile”. […] Durante i giorni seguenti le nostre giornate si sono rivelate impegnative, mettendo alla prova la capacità di adattarsi in un paese completamente diverso dal nostro. […] Le lezioni terminavano entro le 3:30 del pomeriggio. Avevamo quindi del tempo libero per girare i dintorni del campus. [...] Alla fine del nostro soggiorno gli insegnanti ci hanno fatto un piccolo esame per testare le nostre conoscenze linguistiche, consegnandoci anche un piccolo diploma. Considero questo viaggio come una totale immersione in un mondo e in una cultura completamente diversi da quelli italiani, cosa che mi ha permesso di mettermi in gioco e di arricchire il mio bagaglio di esperienze, se avessi l’opportunità di rifare un viaggio simile non direi certo di no!» (Michelle Piva)

«La giornata che mi è piaciuta di più è stata l’esperienza nella famiglia cinese: ho avuto l’opportunità di conoscere delle persone fantastiche con le quali ho passato una bellissima giornata; mi hanno fatta sentire completamente a mio agio, come se fossi veramente parte della loro famiglia; ho anche imparato a fare i 饺子(jiaozi) ovvero i tipici ravioli cinesi! Ogni giorno mangiavamo nei ristoranti del campus ma, abituati al cibo occidentale, per tutti è stata dura! Comunque alla fine ci siamo adattati. All’inizio la mancanza dell’Italia si è fatta sentire, ma ho conosciuto persone fantastiche con le quali ho passato dei momenti indimenticabili e che mi hanno fatta sentire un po’ più “a casa”. Sono molto contenta di aver fatto questa bellissima esperienza, di aver potuto conoscere la cultura e le usanze cinesi e spero di poterla rifare in futuro, magari in un’altra grande città della Cina.» (Francesca Davico)

Letto: 122 volte